THE PUZZLING THEORY OF THE ORFFYREUS WHEEL EXPOUNDED WITH AN ORIGINAL INTERPRETATION

I would like to illustrate a theory on the secret of the Orffyreus wheel which is unique in the world. I have hereby purposely omitted long explanations since these are not required by those who known the history in question and hence will be able to understand (“intelligenti pauca sufficiunt”). I am no fanatic and am truly committed to this research, facing it as a task to be undertaken, yet with great humor and flexibility. I fully understand the usual preconceived ideas of skeptics, as it is handy and convenient to bask in conventional behavior. However, there are new paradigms, different to official views; these harm power plots and academic pride. In terms of plagiarism, I have taken suitable legal precautions to safeguard my idea and I hereby claim full copyright. If need be and prior to a mutual agreement I am prepared to set up a sincere collaboration with other earnest researchers to jointly reach an end goal.

 

Triumphans Perpetuum Mobile Orffyreanum

 

Orffyreus, in his book Triumphans Perpetuum Mobile Orffyreanum, expounds a puzzling theory to explain the function of his invention. Where the written portrayal, especially in certain critical passages, conceals behind an apparent picture or obvious description, a hidden significance different than the expressed one. Or, if taken literally it can mean one thing, while the author, in fact, means another. Such write-up is interspersed with allegorical phrases and words with an exclusively literary value; perhaps it also has a secret encrypted message. Anyhow, I believe the true theory lies between the lines, in the syntax and is to be found between the figures or words achieved. So considerable empathy with the author is required to reach a suitable conclusion.

Poetic apologia

Fig.2

While in his book entitled Poetic Apology Orffyreus focuses the secret of the mechanism in a simple flat drawing illustrated in fig. 2. If interpreted in a three-dimensional way it highlights the general principles of the function of his wheel.

This picture consists in a circle subdivided into six segments. Three of these are positioned at a right angle, are colored in black and set at 120 degrees; they form a circular space with the respective vertexes converging in the center and cut by a curvilinear profile; where a small black circle with a diameter slightly smaller than the same central space is inserted and inside, a small white circle and a black disk with white spot in the center; it reveals all the characteristics of a conic object which is geometrically flat.

The other three white segments measuring approx. 30 degrees are just the respective interspaces formed by the three black segments over the backdrop.

Fig. 3 : the same picture clear from any smears and imperfections of the era’s rudimentary print.

With the help of the following pictures I shall try to generally represent the three-dimension interpretation of the crucial pictures left by Orffyreus, based on my personal theory on the propulsive principle of his wheel.

Obviously, each researcher is convinced of his own theory on the subject. But while researchers hold different opinions, the subjective view of each one deserves respect as it can lead to new useful indications to complete the puzzle.

Hence I am all for a constructive debate without any sarcasm.

  Fig 4

  The Maschinen Tractate, the last manuscript by Orffyreus, contains a drawing initialed 137_560 ( Fig.4 ); I believe it is the key to the entire ENIGMA contained in the same manuscript, regarding the secret of the mechanism.

Fig.5 and 6

So the three-dimensional picture 137_560, represented above (Fig. 5 and 6), only shows a cylindrical wheel resembling a drum; inside it has 12 spokes set in a spiral. These form an empty space in the center where a cylinder with a small diameter is set in the same empty space formed by the spokes. From my point of view, Orffyreus wants to tell us that the principle of his mechanics is based on the eccentric wheel. Where each one of the spokes, in turn, slides above the central cylinder shifting the center of gravity horizontally.

However, this diagram only refers to the input, meaning the initial cue for his idea, because if it is executed to the letter, it shall not work. Hence Orffyreus had to come up with a different geometrical solution, simple and elegant, to render such identical principle functional.

 

The three-dimensional interpretation of the image in Poetic apologia

Fig 8 and 9

The summary of the functioning solution created by Orffyreus is precisely encrypted in the schematic picture drawn from the Poetic apologia. The three-dimensional interpretation of my theory concerns a cylinder with a sequence of spokes coupled in a bispiral fashion where each couple forms a cusp, probably with a right angle. Such spokes are shorter than the effective radius of the wheel, converge in the center with their ends shaped by a cycloidal curve, resting on a double cone-shaped changer (Figure 7, 8 and 9).

Basically, such a mechanism creates a series of inclined planes placed in a circle, where each one in turn – for a brief moment and with the weight of the entire wheel, when it is placed vertically over the central axis with the shape of a double cone – slides over it, changing the position of the wheel’s center of gravity horizontally. Linking together an uninterrupted sequence of propulsive moments for loss of balance caused by the continuous shift of the center of gravity to the rotation side.

Within this mechanism, 7 inverse actions come into play: two axial thrusts, one with right-hand and the other with left-hand spokes. And these two join becoming a third self-centering action, converging or diverging above the double cone depending on the rotation direction. The fourth action is the result of the unstable equilibrium caused by the cycloidal profile of each couple of spokes which stands eccentrically on top of the variable profile of the double cone, forming the inclined planes. The fifth action concerns the geometric shift of the center of gravity of the wheel horizontally on the side of rotation with relative loss of balance. The sixth action is a centripetal one where the geometrical radius contracts on the opposite side of the rotation, with recovery. The seventh is a centrifugal action towards the rotation sense, where the geometric radius expands with fall.

The sound and undulation resulting from the release of this type of mechanism is identical to the one described by distinguished history witnesses. Meaning, it produces muffled tolls which are akin to weights and counterweights moving inside, even though actually there is nothing of the kind.

 

Letters between Professor Gravesande and Isaac Newton

 

To support my theory I found several significant indications transpiring from the evidence provided by Professor Gravesande, the only one who in some way managed to secretly peek inside the wheel. After his inspection he wrote to his friend Isaac Newton, drawing in the same letter what I presume to be a depiction of the internal side of the wheel as it had appeared to him from a quick glance. Subsequently, Isaac Newton drew up a theory in his draft with what I presume to be a sketch of the drawing sent him by his friend Gravesande, to add details to the explanation of his theory on the matter.

From the writings of Isaac Newton I have only taken the drawing in question ( Fig. 10 ), as it reveals a surprising resemblance with my model.

 Fig.10

Probably professor Gravesande, with his fleeting eye, did not have sufficient time to understand the principle of the function. However, he managed to acquire an overall picture given the fact that he is * the only eyewitness of the time who approximately described the internal part of the wheel, sending a drawing to his friend Isaac Newton.

Hence, what Gravesande saw perhaps resembled figures 11, 12 and 13 quite a lot.

 

*Note for the punctilious – [ On the other hand, Prince Karl, patron saint of Orffyreus, knew the mechanism in detail, but always respected the secrecy agreement he had exchanged with the inventor, he only declared: <<…..the machine is so simple that even a building carpenter could copy its mechanism after seeing it……>> ] .

 

 

Fig.11

 

Fig.12

 Fig.13 The bispiral coupling of the wheel’s spokes, approximately forms a picture like this one.

<< When my wheel seen sideways or full-face it is as bright as a. peacock’s tail >>

 The probable sale of a rotor as a work of art.

   In order to raise the funds to finance my costly research which I have been carrying out privately, if the case should arise, I intend to sell a rotor, used in one of my experiments, as a work of art. It is a unique, superb item with a perfectly round shape and a 52 cm. diameter, finely created with high precision, ( material Ergal 70-75 ), as the pictures reveals. The item could appear to be a single wheel, but when observed in detail it shows significant symmetric characteristics of notable artistic value if understood. In fact, its internal components which go around in a circle, create the dazzling effect of a geometric chain reaction which flows in a central mechanical vortex.

Such creation, which I have called “Twistore,” represents an attempt to express the highly sought final solution, finding a simple and elegant equation between mathematics, geometry and force of gravity.

Obviously, the sale only refers to one item as a work of art. It does not imply granting the exclusive patent right of the mechanics concept to any purchaser, in any way whatsoever.

The sales price is exorbitant as the proceeds shall go to finance lengthy research. It shall be privately disclosed after acquiring necessary and accurate information to guarantee the purchaser’s identity, intentions and any references available.

 

Aram Rolf

 

L’ENIGMATICA TEORIA DELLA RUOTA DI ORFFYREUS……….. espressa in una singolare interpretazione

 Desidero presentare un’ipotesi unica al mondo, in merito al segreto della ruota di Orffyreus.

In questa sede, ho volutamente omesso a lunghe spiegazioni, in quanto non necessitano a coloro che conoscendo  bene la storia in questione, sapranno comunque capire ( Intelligenti pauca ).

Non sono un esaltato, vivo questa ricerca con impegno, come un compito da realizzare, ma anche con notevole umorismo e flessibilità  mentale.

Comprendo appieno le ragioni abitudinarie e preconcette degli scettici, in quanto è comodo e conveniente, crogiolarsi nel conformismo.

Tuttavia esistono nuovi paradigmi, diversi da quelli propinati ufficialmente;  i quali nuocciono alle trame di potere e all’orgoglio accademico.

Riguardo al plagio, ho adottato opportune precauzioni legali adeguate alla tutela dell’esclusiva della mia idea, la quale rivendico.

All’evenienza, previo un consono accordo, sono favorevole a instaurare una sincera cooperazione con altri seri studiosi, per raggiungere unitamente lo scopo ultimo.

                                         

Triumphans Perpetuum Mobile Orffyreanum

Orffyreus, nel suo libro Triumphans Perpetuum Mobile Orffyreanum,  espone un’enigmatica teoria, come spiegazione del funzionamento della sua invenzione.   Dove la raffigurazione scritta, specialmente in determinati passaggi cruciali, cela dietro l’immagine apparente, o la descrizione evidente, un senso riposto e diverso da quello espresso. Cioè, se presa alla lettera, sembra significare una cosa, mentre in realtà l’autore ne intende un’altra. Tale stesura che si compone frammista, di frasi allegoriche, insieme a parole con valore esclusivamente letterario; forse possiede anche  un messaggio segreto criptato. Comunque, credo che la vera teoria è tutta fra le righe, è nella sintassi, è quello che esiste fra le cifre o tra le parole ottenute. Perciò occorre una notevole empatia con l’autore, per raggiungere un’interpretazione  appropriata.

Apologia Poetica

Fig.2

Mentre nel suo libro dal titolo Apologia Poetica, Orffyreus concentra il segreto del meccanismo in un semplice disegno piatto  riportato nella fig. 2. IL quale se interpretato tridimensionalmente fa trapelare il  principio generico,del funzionamento della sua ruota.

Questa raffigurazione consiste in un cerchio diviso in sei segmenti. Tre di loro sono a angolo retto colorati di nero, posti a 120 gradi; con  i   rispettivi vertici convergenti al centro tagliati da un profilo curvilineo,  formano uno spazio circolare; dove è introdotto un cerchietto nero di diametro appena inferiore allo stesso spazio centrale; con all’interno un cerchietto bianco e un dischetto nero con un punto bianco al centro;  il quale  presenta tutte le caratteristiche di un oggetto conico rappresentato geometricamente piatto.

Gli altri tre segmenti bianchi che misurano circa 30 gradi, sono soltanto i rispettivi interspazi formati dai tre segmenti neri sullo sfondo.

   

Fig. 3 : la stessa immagine ripulita da sbavature e imperfezioni della rudimentale stampa dell’epoca.

 

Con l’aiuto delle immagini successive cercherò di rappresentare genericamente, l’interpretazione tridimensionale delle raffigurazioni cruciali lasciate da Orffyreus, secondo la mia personale ipotesi in merito al principio propulsivo della sua ruota.

 Naturalmente, al riguardo ogni ricercatore è convinto  della propria teoria. Ma pur avendo opinioni differenti, la visione soggettiva di ogni serio studioso merita un certo rispetto, in quanto da  essa possono sempre emergere nuovi indizi utili, per completare il puzzle.

 Perciò sono favorevole a un dibattito costruttivo senza sarcasmo.

 

Il Maschinen Tractate  

Fig.4

  Il Maschinen Tractate, l’ultimo manoscritto di Orffyreus, contiene un disegno  siglato 137_560      ( Fig.4 ); Il quale ritengo sia  la chiave dell’intero REBUS contenuto nello stesso manoscritto, riguardo al segreto del meccanismo.

Fig. 5 e 6

Dunque, l’immagine tridimensionale 137_560, sopra rappresentata  ( Fig. 5 e  6 ), ci mostra soltanto una ruota cilindrica che assomiglia ad’un tamburo, all’interno ha 12 razze collocate a spirale; Le quali formano uno spazio vuoto al centro, dov’ è  collocato un cilindro con diametro inferiore allo stesso spazio vuoto formato dalle razze.

 

Dal mio punto di vista, orffyreus ci vuole dire, che il principio del suo meccanismo si basa su di una ruota eccentrica. Dove ognuna  delle razze, a turno, scivola sopra il cilindro centrale spostando in orizzontale il baricentro. Però questo schema riguarda solo l’input, cioè  lo spunto iniziale della sua idea, in quanto  se eseguito letteralmente, non funziona.Quindi Orffyreus ha dovuto escogitare una diversa soluzione geometrica, semplice ed elegante, per rendere funzionante tale identico principio.

 

 

L’interpretazione tridimensionale dell’immagine in Apologia Poetica

Fig. 8 e 9

La sintesi della soluzione funzionante ideata da Orffyreus è  criptata nella raffigurazione schematica tratta da Apologia Poetica, appunto. L’ interpretazione tridimensionale in merito alla mia ipotesi,  riguarda un cilindro con all’interno una sequenza di razze accoppiate fra di loro, in modo bi elicoidale, dove ogni coppia forma una cuspide, probabilmente con angolo retto. Tali razze sono più corte del raggio effettivo della ruota, convergono al centro  con le loro estremità sagomate da una curva cicloidale, poggiando sopra ad’un variatore  doppio conico   ( Figure 7, 8  e  9 ).

Essenzialmente un meccanismo del genere, crea una serie di piani inclinati posti in circolo, dove ognuno di essi, a turno, per un breve istante con il peso di tutta la ruota, quando si trova in verticale sopra l’asse centrale, il quale ha la  forma di un doppio cono, vi scivola sopra, variando in orizzontale, la posizione del baricentro della ruota. Concatenando una sequenza ininterrotta di momenti propulsivi per sbilanciamento,  causati dallo spostamento continuo del baricentro, sul lato del verso di rotazione.

In questo semplice meccanismo, entrano in gioco  7  azioni reciproche:    Due spinte assiali, una dalle razze destrorse e l’altra dalle razze sinistrorse;   Le quali due, si uniscono trasformandosi in una terza azione autocentrante, convergente  o  divergente sopra il doppio cono assecondo della  direzione di rotazione data;   La quarta azione, è il prodotto dell’equilibrio instabile causato dal profilo cicloidale di ogni coppia di razze che poggia eccentricamente sopra al profilo variabile del doppio cono, formando i piani inclinati;   La quinta azione, riguarda lo spostamento geometrico del baricentro della ruota in  orizzontale sul lato di rotazione  con relativo sbilanciamento;   La sesta è un ‘azione centripeta, dove il raggio geometrico si contrae sul lato opposto  al verso di rotazione, con recupero;   La settima è un’azione centrifuga in direzione del verso di rotazione,  dove il raggio geometrico si espande, con caduta.

Il suono e L’ondeggiamento risultante dagli scatti di questo tipo di meccanismo, è identico a quello descritto dagli eminenti testimoni storici. Cioè,  produce dei rintocchi felpati, che sembrano quelli di pesi e contrappesi in movimento all’interno, anche se in realtà non c’è nulla del genere.   Infatti,  la testimonianza lasciata dal Professor Gravesande, in sintesi ci dice: <<…si tratta di una ruota cilindrica vuota, una specie di tamburo, molto leggera,in quanto la sua struttura interna  simile ad una intelaiatura, è costituita soltanto da svariate traverse in legno incrociate fra loro e montate in sequenza…>>.

Corrispondenza epistolare fra il Professor Gravesande e Isaac Newton

A sostegno della mia teoria ho rilevato alcuni indizi significativi dalla testimonianza del Professor  Gravesande, l’unico, che in qualche modo riuscì a sbirciare furtivamente, l’interno della ruota. Il quale dopo  l’ispezione, scrisse al suo amico Isaac Newton, disegnando nella stessa lettera, presumo, una raffigurazione dell’interno della ruota, come  era apparsa alla sua frettolosa occhiata. Successivamente Isaac Newton  scrisse una teoria, riportando nella sua stesura, ne deduco, uno schizzo del disegno inviatogli dall’amico Gravesande, per abbinarlo alla spiegazione della sua ipotesi in merito.

Ho estrapolato dallo scritto di Isaac Newton soltanto tale disegno in questione ( Fig. 10 ),  in quanto presenta una sorprendente similitudine con il mio modello.

 

                                                             Fig. 10

Probabilmente il professor Gravesande,con la sua occhiata fugace, non ebbe tempo a sufficienza per comprendere il principio del funzionamento. Ma comunque riuscì ad avere un’immagine complessiva,  in quanto è * l’unico testimone storico che descrive in modo approssimativo l’interno della ruota, inviandone uno schizzo al suo amico Isaac Newton.

Quindi ciò che vide Gravesande, forse doveva assomigliare molto alle  figure 11,  12  e  13.

*Nota per i pedanti- [ Invece, il Principe Karl, patrono di Orffyreus, conosceva bene il meccanismo nei dettagli, ma rispettò sempre il giuramento di segretezza fatto con l’inventore, disse soltanto: <<…..la macchina è così semplice che persino un carpentiere edile potrebbe riprodurre il suo meccanismo dopo averlo visto……>> ] .  In genere il carpentiere edile, usa solo legno ( e chiodi ), come materiale da costruzione, non pannelli di rame , neppure costruisce strutture meccaniche in metallo.      

         

Fig.11

Fig.12

Fig.13     L’accoppiamento bi elicoidale delle razze nella ruota, forma all’incirca un’immagine di questo genere.

<< When my wheel seen sideways or full-face it is as bright as a peacock’s tail >>

                              

  L’eventuale messa in vendita di un rotore come opera d’arte

      Al fine  di reperire fondi per finanziare la mia costosa ricerca condotta in privato,  qualora vi saranno i presupposti,  ho intenzione di porre in vendita come opera d’arte, un rotore , usato in uno dei miei esperimenti.

Si tratta di  un oggetto unico, superbo, con una forma perfettamente circolare,  diametro di52 Cm, finemente realizzato in alta precisione ( materiale Ergal 70-75 ),  come mostrano le immagini.

Il pezzo, in apparenza, potrebbe sembrare soltanto una singolare ruota, ma  osservato nei dettagli, possiede  significative caratteristiche simmetriche, artisticamente notevoli, se comprese.  Infatti le sue componenti  interne susseguendosi in circolo, creano l’effetto sfolgorante di una geometrica    reazione a catena  che fluisce in un meccanico vortice centrale.

Tale creazione, che ho chiamato Twistore,  costituisce un tentativo di  esprimere la tanto cercata soluzione ultima,  in una semplice ed elegante  equazione, fra matematica, geometria e forza di gravità.

Ovviamente, la vendita si riferisce soltanto all’unico pezzo in questione, come opera d’arte; Non riguarda in modo assoluto,  la cessione dell’esclusiva all’eventuale acquirente  dell’idea meccanica che esso rappresenta, la quale rimane all’ideatore.

Il prezzo di vendita è esorbitante, in quanto il ricavato deve  finanziare una ricerca ardua. Potrà essere comunicato in privato, dopo accurate precauzioni su identità,  intenzioni e referenze  di colui che ne fosse veramente interessato.

Aram Rolf